MAESTRO/COACH. QUALE SCEGLIERE E QUALE SWING FARE. PRENDETE LEZIONE E GIUDICATE IL VOSTRO INSEGNANTE DOPO AVERLO CONOSCIUTO PERSONALMENTE.

Eccomi qui a commentare ed ampliare il post di UN ANNO fa, come tutti quelli fatti negli anni PRECEDENTI, che hanno sempre tra loro un filo di continuità.

So che è lungo e che molti non lo leggeranno, ma questo non è un problema.Sono articoli e commenti, sul mio sito.Chi li vuole leggere sa bene cosa vuole, come me.

Faccio una premessa. Quando parlo di Coach ad alto livello parlo di Coach che dettano e insegnano uno swing.Addirittura si dividono specializzandosi : COACH del gioco LUNGO ,del gioco CORTO e del PUTTER.

Per esempio sono stato a sentire il putting coach PHIL KENYON(nella foto)che e’ uno dei più bravi e vincenti al mondo a Milano, in una sua conferenza tenuta durante un meeting della mia PGAI.Lui dice tantissime cose con le quali mi trovo perfettamente concorde.E non solo di tecnica.Infatti giustamente sostiene che OGNI GIOVATORE E’ DIVERSO E SOSTIENE DI PRENDERE LEZIONE E CONOSCERE IL PROPRIO MAESTRO O COACH !

Ma tutti sappiamo molto bene, che se SCEGLI un TOP coach, quello ti farà fare quello in cui CREDE.E’ la LORO linea.Il PLAYER sa bene che QUEL COACH insegna QUELLO SWING.Ma parlo di ALTI livelli.

LEGGERETE POI COSA CERCO DI FARE IO.

Se vai dai coachs : PUGH, già coach di MOLINARI E MANASSERO (sono stato da lui a Quiet waters in Inghilterra NEL 1991 vedi foto), HARMON, FOLEY, HANEY, HARTMAN, BANNON, COOK, HEBRON, LEADBETTER, DEL RIO, FIGUERAS-DOTTI( nella foto al seminario ” COACHING INSEGNARE AD ALTO LIVELLO ” presso il Golf della Montecchia ) e mi perdonino tutti quelli che non ho nominato ( sopratutto dell’ultima generazione ), ma ho ascoltato, o di persona o tramite internet, ,sai prima quale SWING ti farà fare.

Certo, discutono, approfondiscono con il giocatore le proprie idee e adattamenti, relativi a molti fattori, ma poi impostano il “LAVORO“ da fare sulle loro IDEE. Infatti se dei primi 10 giocatori al mondo ci sono 3/4 (tanto per fare un numero), il PLAYER dovesse scegliere o cambiare il COACH a seconda di chi vince, continuerebbe a cambiarlo.Il coach guadagna una percentuale sulle vincite del giocatore.Se il giocatore non vince, il coach non guadagna, non ci possono essere tante cause o scuse .O è l’una o è l’altra parte che non va.

Per questo dico SEMPRE che non tutti siamo per tutti. Ma bisogna conoscersi prima. Non è un offesa.

E’ RISPETTO PROFESSIONALE INVECE e SOPRATUTTO NON FIDATEVI DI COSA DICE LA GENTE,RAGIONATE CON LA VOSTRA TESTA E PROVATE.

Nel mondo del Golf professionistico o ad alti livelli, il coach ha il suo MODO E IL SUO PENSARE relativamente allo SWING. Durante gli anni sono cambiati TANTI swing e TANTI coach.Ma non per questo uno e’ meno bravo, o “vecchio” rispetto a quello nuovo. Anzi! Se si è AGGIORNATO e ha continuato il percorso di STARE al passo con i TEMPI tanto meglio.Sennò e’ un problema suo.Per non parlare quanti giocatori del tour hanno iniziato con il loro Padre.Ultimo fra tutti il vincitore dell’ ultimo Master, Matsuyama. Spesso è il PLAYER che fa la fortuna del COACH.Avere un GIOCATORE TALENTUOSO è una FORTUNA per un ALLENATORE.Ma questo è’ quello che accade in TUTTI gli SPORT.

Ma TUTTI sono alla ricerca della ripetitività tecnica che porti la faccia del bastone il più possibile veloce, con i gradi di loft migliori , con una traiettoria efficace! Posizione della faccia del bastone , gradi di loft , traiettoria , spin … ! Tantissime variabili, che devono sommarsi per arrivare sommandosi ad un unico risultato, CON TUTTI I MEZZI POSSIBILI. ( UMANI E TECNOLOGICI).

La ripetitività !!

Ed è proprio qui il problema.

Tutti mi chiedono di risolvere la loro più grande difficoltà , che non è per la maggio parte tirare dritto o lungo ( nel mondo dilettantistico) ma è quello di NON ESSERE RIPETITIVI.

Di ALTERNARE BEI COLPI A BRUTTI COLPI, di fare una buca BENE e un altra NO.

Quando vi dico che cerco di ESSERE UN SARTO, è perché sono IO che mi DEVO adattare alla PERSONA che ho DAVANTI. Quindi mi prendo la RESPONSABILITÀ di scegliere quale SWING fargli fare. E lui si deve fidare di me.Se IO sbaglio lui non gioca bene.Potrebbe darsi invece, che LUI , non faccia bene quello che io gli dico di fare. Cioè non si ALLENA O PRATICA MALE. Ma questi sono i motivi. Se succede questo , ci si saluta con RISPETTO e ci si SEPARA. Senza problemi.

MA BISOGNA CONOSCERSI PRIMA, PERSONALMENTE !!

Vorrei aggiungere una cosa, che ho già scritto varie volte, e che si riferisce ai GIOVANI sopratutto. L’insegnante DEVE assolutamente adattare il gesto, l’adattamento del bastone, in funzione NON SOLO ALLA CRESCITA DELLO SWING, con il passare del tempo come per gli ADULTI, ma SOPRATUTTO per LA CONTINUA CRESCITA FISICA ( ALTEZZA, MUSCOLATURA, ATTEGGIAMENTO MENTALE, ECC) CHE E’ INSITA SOPRATUTTO NEL GIOVANE, PER OVVI MOTIVI.

Il Coach che insegna ad ALTI livelli DETTA lo swing , io mi ADATTO alle PERSONE. Ma TUTTO ciò vale se ABBIAMO del TEMPO.

Da qui nasce la mia formula “ coach & player” per dilettanti. Sennò non POSSO che fare LEZIONI DI COMPENSAZIONE.

Che hanno il loro effetto e che vanno bene per chi non ha tempo, voglia, o altre motivazioni.TUTTE GIUSTE.Dipende da TANTISSIMI fattori. Io faccio il MAESTRO DI GOLF. Faccio il COACH, unendo in me più settori.Tecnica, mente, fisico, ed adattamento dei bastoni.E per questo faccio sempre corsi di AGGIORNAMENTO in TUTTI i vari CAMPI.

Ma OVVIO che se posso lavorare con un PREPARATORE ATLETICO, un MENTAL COACH, un CLUB FITTER è MEGLIO. Vorrei poter lavorare in TEAM. Ma per la maggior parte delle volte non e’ possibile.

Con questo vi saluto, facendovi fare un ULTIMA riflessione.

Guardate questa FOTO , vedrete che ci sono 10 TOP PLAYERS( una volta erano i primi 10 , adesso saranno cambiati , ma avercene ).TUTTI e 10 hanno lo SHAFT sulla linea del AVANBRACCIO DESTRO nel FOREARM!

Ma guardate INVECE le DIFFERENZE della POSIZIONE del CORPO!! Spalle, fianchi, petto, testa, ecc ecc). Quindi TORNO All’ INIZIO.

Cercate un Maestro un coach e LAVORATE con LUI , e come dice Phillip Kenyon, CONOSCETEVI, e SOPRATUTTO NON FIDATEVI DI COSA DICE LA GENTE,RAGIONATE CON LA VOSTRA TESTA E PROVATE.

Coach Paolo.

Coach Paolo De Ascentiis: Primi 18 gg di Settembre. Riprese le varie attività. Lezioni con giocatori “scratch” fino ai neofiti.

Cari Allievi, Players, e amici golfisti.

Queste prime settimane di Settembre, hanno dato inizio alla ripresa totale di tutte le attività della mia Scuola di Golf, la PDA GOLF SCHOOL http://www.pdagolf.it.

Sono riprese tutte le varie opportunità che da sempre la mia Scuola propone.

  • Programma Coach & Player
  • Open Golf Clinic in campo
  • Sessioni di Allenamento individuali
  • Lezioni di Tecnica dello swing
  • Mental Coaching

Sono anche iniziate tutte le attività di “Avvicinamento al Golf” tramite le proposte e alle promozioni effettuate.Tutti i neofiti hanno già iniziato e stanno già effettuando i loro primi allenamenti.

In questi 20 gg ho visto e fatto lezione con Allievi da 0 di HCP a neofiti alla prima esperienza con lo sport del Golf.

Nel salutarvi e aspettando di incontrarci sui nostri amati Links, vi allego alcune foto, che sono più esaustive di qualsiasi parola.

Maestro Pgai Ambassador Advanced “AA” Coach

Paolo De Ascentiis

Contatti:

Mob :+39 3391213241

E. Mail :deascentiisp@gmail.com

Website : https://pdagolf.it

1 Settembre 2021. RIPRESA ATTIVITA’. “Maestro PGAI Ambassador Advanced classe “AA” coach professionista di golf”.

Cari Allievi, Players, e Golfisti.

Dal 1 di Settembre, come vi ho già annunciato precedentemente, riparto con la mia attività di Coach.

Potete quindi telefonarmi per prenotare le varie ” possibilità” che la mia scuola di golf la PDA GOLF SCHOOL propone.

Potete vedere le varie opportunità sul sito istituzionale della scuola http://www.pdagolf.it

Scusatemi se durante la giornata non Vi risponderò al telefono( per rispetto all’allievo che ho davanti che sta facendo lezione), ma sicuramente se mi lasciate un messaggio su W UP, o basta il numero di telefono che leggerò( se ancora non ci conosciamo), e sarà mia premura contattarVi alla fine della giornata di insegnamento.

Contatterò personalmente tutti i miei Allievi/ Players con i quali già ” lavoro” per decidere l’ora e il giorno nel quale ripartire con le nostre lezioni, o i nostri ” Progetti/Programmi” e tutti quelli che mi hanno cercato in questo periodo per fissare delle lezioni.

Chiamerò al telefono e poi formerò un gruppo su W Up, tutti i nuovi ” beginners” che hanno, con mio grande piacere, aderito alla proposta fatta in collaborazione con il Golf S.Stefano di Campagnola Emilia (RE).

Non mi resta che salutarvi dandovi appuntamento il 1 di Settembre per la ripresa dell’attività di insegnamento.

Coach,

Paolo De Ascentiis

Maestro PGAI Ambassador Advanced classe “AA” Coach Paolo De Ascentiis. Riprendono da Settembre le abituali attività didattiche, con la mia scuola di golf, la ” PDA GOLF SCHOOL” . NOVITA’ ed INIZIATIVE.

Cari Allievi, Player, e amici golfisti.

Dalla prima settimana di Settembre , riprendono TUTTI i programmi e progetti , relativamente alla mia scuola di golf, che da sempre attuo.

COACH & PLAYER

NOVE BUCHE CON IL COACH

GOLF CLINIC IN CAMPO PRATICA

SESSIONI DI LEZIONI DI UN GIORNO

LEZIONI COLLETTIVE

LEZIONI INDIVIDUALI

Ho già contattato tutti i miei PLAYERS che hanno con me un contratto di ” Golf & Player” per mettermi d’accordo sulle giornate che dalla prima settimana di Settembre ripartiranno.

Ho aggiornato ” personalmente” tutti i miei allievi della mia ripresa delle attività dalla prima settimana di Settembre.

Ho voluto riscrivere la data della ripresa delle attività, per poter far si che tutti i miei PLAYERS (che mi contattano e con enorme piacere sento) di quando potranno tutti, riprendere gestendo i diversi tempi, visto che molti di loro sono ancora in vacanza ,o andranno a Settembre.

Questo anche per poter prenotare i tee times preso la segreteria del golf, quando e se andremo in campo. (covid).

A tal proposito, informo che TUTTE le precauzioni del caso( relativamente alle lezioni in vicinanza) continuano ad essere osservate e che il PROTOCOLLO impartito dalla PGAI rimane sempre attivo.( vedi circolare PGAI)

Ed adesso una ” news”.

Vi illustro una iniziativa fatta in collaborazione con il Golf S. Stefano di Campagnola Emilia (RE) che vede proporre due mesi e 4 lezioni da me PERSONALMENTE tenute, e che ha come fine un vantaggio, sportivo, economico, e concorrenziale, per l’anno in corso e per quello prossimo, con un offerta che credo sia impareggiabile. ( vista la quota del Golf che la effettua , il GOLF S. STEFANO e la scuola di Golf che gestisce le lezioni, la PDA GOLF SCHOOL da me diretta e gestita. Che daranno dei “plus” per la iscrizione relativamente all’anno 2022)

Per tutte le informazioni contattate direttamente la segreteria del golf con una mail a gare@golfsantostefano.eu o tramite la mia scuola di golf deascentiisp@gmail.com

Con la speranza di aver come Ambassador PGAI adempiuto alle mie responsabilità professionistiche, Vi saluto e rimango se volete avere più delucidazioni a vostra disposizione tramite il mio Mob o W UP 3391213241.

Maestro PGAI Ambassador Advanced Classe” AA” Coach

Paolo De Ascentiis

PDA GOLF SCHOOL. Periodo estivo. Luglio/ Agosto 2021.

Cari Soci,Players,Giocatori.

Quest’anno sono rimasto fin alla fine di Luglio( partirò il 20 circa) per essere di supporto dopo tanto stop al golf, e per poter terminare, i contratti di Coach& Player, iniziati precedentemente. Molti sono stati conclusi, molti sono stati rinnovati ripartiti e molti sono iniziati ex novo.

Sono state anche fatte provare nuove persone che volevano provare il golf.( Però questo non è certo il momento adatto, TUTTI sono in ripresa e cercano di far ripartire il lavoro e cercando di ritrovare una normalità.) Tra l’altro siamo quasi giunti ad Agosto dove il clima non è certo dei più adatti per iniziare, o praticare o impostare un nuovo swing.

Quindi sono a ridirvi le solite cose che sempre ribadisco.

A parte l’aspetto ludico ( le gare e il giocare in campo con gli amici), vi prego di prendervi una pausa relativamente al lavoro che stiamo facendo.

Rilassatevi e fate passare questi ultimi giorni dell’estate, divertendovi , facendo gare e curando l’aspetto ludico dello sport.

Io mi trasferirò per stare vicino a mio padre verso il 20 circa, sperando che mi anticipino il vaccino. Ma forse sono riuscito a trovare una soluzione. Quindi se volete , mi troverete a Rapallo, fino alla fine di Agosto. Se volete fare qualche buca insieme con la solita formula delle 9 buche in campo, io ne sarò solo felice, io passerò del tempo con mio papà che a 90 anni non vedo mai( figuratevi in questi due anni).

Ci rivedremo il primo di Settembre, e riprenderemo :

I CONTRATTI COACH E PLAYER, LE SESSIONI DI ALLENAMENTO INDIVIDUALI, LE USCITE IN CAMPO, E TUTTE LE ATTIVITA’ IN ESSERE E DA COMPLETARE. UNA PAUSA E’ DETERMINANTE COME VI HO DETTO E DA SEMPRE SUGGERITO, RELATIVAMENTE ALLA PARTE DELL’INSEGNAMENTO. ABBIAMO LAVORATO TANTO IN QUESTI MESI DOPO LA RIPRESA, ORA E’ GIUSTO SEDIMENTARE LE COSE.

Alla ripresa a SETTEMBRE PRESSO IL G.S.STEFANO ( campagnola Emilia) RE anche chi vorrà cimentarsi troverà un clima più consono e delle novità per la prova.

Quindi vi saluto tutti, Vi auguro una estate piena di soddisfazioni golfistiche e personali, e vi attendo ancora per qualche settimana al nostro Golf di S.Stefano dove continuano le consuete e variegate proposte della PDA GOLF SHOOL.

Una buona estate a tutti,

Coach Paolo De Ascentiis

NEXT ACTIVITIES. LUGLIO E AGOSTO. PDA GOLF SCHOOL. Coach Paolo De Ascentiis.

Cari Allievi, Player, Golfisti.

Tutte le attività della PDA GOLF SCHOOL continueranno quest’anno presso il Golf S.Stefano fino a Luglio, con Lezioni, Uscite i campo, sessioni di allenamento, golf clinic, ecc.

Vi prego quindi di contattarmi per accordarci per soddisfare tutte le vostre esigenze.

Poi verso la fine di Luglio e nel mese di Agosto mi trasferirò a Rapallo, per stare vicino alla mia famiglia.

Rimarrò, se verrete a Rapallo, a vostra disposizione previo appuntamento per prenotare le partenze , per le nostre consuete uscite in campo su 9/18 buche.

Nell’attesa di continuare le nostre sessioni di allenamento vi saluto cordialmente,

Coach,

Paolo De Ascentiis

Alleno tutti come se fossero degli atleti

Prendo in prestito questo” incipit” dall’amico Riccardo Penna, per ribadire quella che è la “mia” personale interpretazione di coach, di allenatore, di educatore di maestro di sport. Dovrei citare tantissimi nomi, di illustri ed eminenti Dottori, Psicologi, Mental Coach, Preparatori, che hanno e continuano a parlare dell’argomento, scrivendo articoli, libri, tenendo conferenze, lavorando costantemente sul tema.Chiedo scusa a tutti se non verranno nominati. Lo spazio è chiaramente poco, ma nutro verso tutti loro una profonda stima.

Il Dr. Sheehan ha detto: “Ognuno è un atleta. L’unica differenza è che alcuni di noi sono allenati e alcuni non lo sono “. Gli atleti che hanno gareggiato alle Olimpiadi non hanno ottenuto quei risultati per caso. Sono arrivati ​​lì con estrema dedizione e allenamento intenso. Con questo in mente la definizione di un atleta è unicamente dipendente solo da quanto lavoro è stato fatto, non dall’effettivo risultato raggiunto. Insomma, “atleta” non definisce la natura ma la quantità di allenamento.
L’origine della parola atleta deriva dalla parola latina Athleta ed è chiaramente legata ai giochi in cui gli atleti competevano per un premio (athlein). Quindi, inizialmente, se non eri in lizza per il premio non eri un atleta. La definizione si è evoluta e, anche se abbiamo molti più atleti nella società di oggi, non è sempre il premio che li definisce; ci sono, infatti, molti altri motivi per partecipare nello sport.

La definizione originale è probabilmente paragonabile a quello che oggi noi chiamiamo un “atleta d’elite” .

Essere un atleta significa che c’è un obiettivo, un desiderio di migliorare e la volontà di impegnarsi. Un atleta è qualcuno che affronta con serietà il suo sport. C’è un obiettivo finale che lo coinvolge a fare qualcosa di cui questa persona può essere orgogliosa. Questo potrebbe significare stabilire un record personale, anche se può essere molto lontano dal record del mondo. Potrebbe anche significare completare una certa distanza senza velleità di tempo. (…).O aggiungo io fare pochi colpi ,senza velleità del risultato.
La definizione di un atleta dipende dal contesto e sembra essere negli occhi di chi guarda.

Il leggendario allenatore dell’Università dell’Oregon, e co-fondatore Nike, Bill Bowerman ha detto: “Se si dispone di un corpo, sei un atleta”

Anche per me” ognuno è un atleta”. Infatti da sempre vedo in ogni persona che si avvicina allo sport, nel mio caso il golf, un atleta. Qualsiasi età o obbiettivo abbia.

Io personalmente ripeto la frase”( Giocatore/ Sarto)” da ormai più di 35 anni di insegnamento, visto che ne ho 60 ed ho iniziato a giocare a golf all’età di 7 anni.Ho scritto articoli su questo.Questo è del 2005.

UN COACH DEVE ESSERE UN SARTO ED ADATTARE SU OGNI PERSONA IL GESTO ( SWING) PER LUI PIU’ CONSONO PER MILLE MOTIVI E QUINDI PIU’ SEMPLICE E RIPETITIVO.

Quindi che sia un giovane di 6 anni o un ” Age’ ( senza età.. ),io mi approccio a lui cercando quella che può essere una forma di atletismo nella sua persona e la sua unicità. INFATTI CONSIDERO TUTTI ATLETI.

Che sia la facilità a fare un gesto tecnico.

Che abbia un atteggiamento mentale consono rispetto allo sport del golf.

Che abbia una normale condizione fisica.( E questo credetemi, è l’ultimo dei miei problemi come coach)

Quindi cerco di sfruttare in lui,quella che è la sua parte più “atletica”

Elena Casiraghi, dice davanti alla riflessione di Asker Jeukendrup.

“Non mi ero mai posta questa domanda, ma davanti alla riflessione di Asker Jeukendrup, non ho potuto che lasciarmi coinvolgere e leggere incuriosita il suo pensiero.

Sentirsi un atleta ed essere un atleta sono due aspetti differenti ma, dopo tutto, mi domando se abbia davvero senso impegnarsi a dare una definizione di “atleta”.

Penso che, dopo tutto, chiunque possa essere un atleta.

Credo che alla fine, un atleta è chiunque agisce -sportivamente parlando- mosso da una passione, da un desiderio di raggiungere un traguardo, pubblico o personale, e per il quale lavora meticolosamente -che non vuol dire maniacalmente- curando l’allenamento, l’alimentazione ed il recupero. Senza lasciare nulla al caso.”

Mi ritrovo perfettamente in tali riflessioni. Aggiungo di più, il Golf come sport, è praticato prevalentemente, per quanto riguarda la parte dilettantistica da persone non più giovani. E proprio su queste io cerco di fare leva, perche scatti in loro il desiderio di ” confrontarsi” con se stessi, che non venga preso solo come un gioco, ma anche come un motivo di crescita personale a qualsiasi livello. Spesso mi sento criticare, perchè pretendo troppo dai miei allievi. In realtà è solo la voglia di vedergli fare quel “passo” così vicino che a volte non lo si vede.

Insomma, io non cambierò mai atteggiamento, e qualsiasi persona avrò davanti, darò tutto me stesso, perchè possa ottenere, anche un piccolo miglioramento, ma con la voglia e l’impegno di farlo. E non, perchè si ha preso una mezz’ora di lezione, ma, perchè ci si è allenati ( magari anche poco per mille motivi) ma con l’intento di ricevere una gratificazione personale.

Andare dal dottore( Maestro) e poi non fare la cura (allenamento) non pare.. serva a molto. La bravura del Dottore sta nel ascoltare i sintomi, fare una diagnosi, e dare la cura in funzione del paziente. Come il sarto, che cuce su misura il vestito al cliente( fa un sacco di prove, durante la creazione). Questo farò per sempre, grato di tutte le soddisfazioni che ho, e ricevo tutti i giorni.

Credete, si può fare.

Coach,

Paolo De Ascentiis

GOLF’S NEXT PRODIGY: BABY JAMES GOLFER – MAESTRO PAOLO DE ASCENTIIS@EXPO SPORT E SALUTE 2017, 16 NOVEMBRE, OFFICINE GRANDI RIPARAZIONI TORINO

Si chiama James Everett Grimes ed é soprannominato Baby James.

Abita in Louisiana, ha sei anni e gioca a Golf da quando aveva 15 mesi. Sua madre è la sua insegnante a casa e il suo caddy sul campo da golf.

Intervistato dal reporter Wild Bill Wood, Baby James dice: “Il mio swing nasce dall’aver fiducia in me stesso. Il mio pensiero è costantemente rivolto al Golf. Non abbandonerò mai questo Sport, non vi rinuncerò e questo è il mio obiettivo: non rinunciare mai”.

Alla domanda “Che tipo di ragazzino sei tu?”, Baby James risponde: “Mi piace  la sfida e se qualcuno mi dirà di fermarmi, andrò via e non mi fermerò”.

Baby James è un esempio di talento, di passione e di grande determinazione.

E’ un esempio di tenacia, di abilità di identificare un obiettivo ed inseguirlo, di capacità di tener duro, con impegno e abitudine alla fatica.

Questo è il migliore augurio che si possa fare ai giovani: avere tenacia, metodo e  coerenza, sapendo che occorre seminare per raccogliere.

Perché solo la costanza dei comportamenti produce i risultati migliori.

Il talento non basta: occorre tenacia.

Di questo, di tecnica e tanto altro parlerà il Maestro Paolo De Ascentiis all’Expo Sport e Salute, giovedì 16 Novembre, dalle 9 alle 14, alle Officine Grandi Riparazioni – Corso Castelfidardo 22  Torino.