PDA GOLF SCHOOL PER BNI. MAESTRO PGAI AMBASSADOR CLASSE DOPPIA”AA” COACH PAOLO DE ASCENTIIS

Oggi presso il Golf S.Stefano ( Campagnola Emilia) RE, all’interno della Tenuta Santo Stefano, il Coach Paolo De Ascentiis, ha dedicato una SESSIONE DI ALLENAMENTO UNITA AD UN GIRO IN CAMPO E ALLA SPIEGAZIONE DELLE REGOLE E DELLO SPORT DEL GOLF IN GENERALE, ad alcuni membri dell’Azienda BNI.

Un organizzazione di scambio referenze più vasta e di successo a livello mondiale.

Tutti i partecipanti hanno potuto avvicinarsi al golf , provando per la PRIMA volta a giocare, e a cimentarsi in tutte le parti del golf:  FULL SWING,GIOCO CORTO,PUTTER.

Prima di cimentarsi con ” la pallina e le varie parti del golf “, Il Maestro Paolo De Ascentiis, ha spiegato loro, un po di regole, nozioni generali e risposto a molte domande, sia sul ” gesto tecnico” sia su tanti settori legati allo sport. Dall’insegnamento alle gare e all’attrezzatura.

Una bella giornata conclusa con una gara sul ” Putting Green”.

Alla prossima,

PDA GOLF SCHOOL.

GDGW0865HMDO7180IMG_E1620IMG_1618IMG_1557UMMD1846

 

CORSO GRATUITO DI GOLF PER GIOVANI. PDA GOLF SCHOOL. MAESTRO PGAI AMBASSADOR PAOLO DE ASCENTIIS.

Ieri SABATO 4 MAGGIO si è svolta la prima delle quattro giornate del “Primo corso di Golf gratuito della PDA GOLF SCHOOL del Coach Paolo De Ascentiis”. 

Altre 3 le giornate che faranno parte di questo (PRIMO) corso GRATUITO della PDA GOLF SCHOOL.

Su iniziativa del Maestro PGAI Ambassador Paolo De Ascentiis nell’anno in corso saranno svolti altri corsi per giovani insieme a differenti iniziative promosse nelle scuole e negli oratori nell’ottica della diffusione della conoscenza del Golf quale disciplina sportiva da sempre strumento di accrescimento personale anche e soprattutto nei giovani, data l’elevata importanza delle regole, della disciplina e del comportamento insite nello stesso ” SPIRIT OF THE GAME “.

Saranno inoltre organizzate giornate dedicate al Golf  nell’ambito di diverse disabilità, delle quali il Maestro PGAI Ambassador Paolo De Ascentiis da più di 20 anni si occupa.

Vedi Sez.”Charity” della PDA GOLF SCHOOL. http://www.pdagolf.it

Nella giornata del 4 maggio è intervenuto durante il corso il Giudice  Arbitro Prof.Roberto Andreoli della F.I.G, Distretto 4 che ha dato il benvenuto  hai ben 8 bambini presenti che si sommeranno ad altri 5 bambini confermati per la prossima sessione programmata per SABATO 11 dalle 17 alle 18.

In un susseguirsi di richieste e partecipazioni che fanno presagire una notevole presenza al corso, come tutti gli anni, in quanto il Maestro Pgai Ambassador Paolo De Ascentiis è da sempre sensibile ai ragazzi e alla disabilità agendo con la promozione per far provare gratuitamente questo meraviglioso sport a tutti i più giovani. 

La Sponsorizzazione dell’azienda AA COPERTURE , quest’anno “main sponsor del Sett. Giovanile” , consente di poter svolgere gratuitamente l’attività, nella promozione e divulgazione del Golf nei contesti sopracitati.

Il GOLF S.STEFANO da sempre è vicino al Maestro, e con la sua disponibilità permette allo stesso di usufruire gratuitamente del campo e delle palline.

La TENUTA S. STEFANO permette inoltre di usufruire delle varie strutture all’interno della stessa con benefit e sconti ( merende, aperitivi, piscina etc ) durante lo svolgimento delle giornate di promozione al Club.

Nel ringraziare tutti quanti rendono possibile questi eventi, si ricorda che questo Primo corso avrà ancora luogo nelle seguenti date:

SABATO 11/18/25 MAGGIO DALLE ORE 17,00 ALLE 18,00. 

TUTTI SONO ANCORA INVITATI A PARTECIPARE ( ANCHE AD UNA SOLA SESSIONE) IN QUANTO QUESTO, COME TUTTI GLI ALTRI CORSI, SONO FATTI ESCLUSIVAMENTE PER DARE LA POSSIBILITA’ DI PROVARE IL GOLF, CREARE AGGREGAZIONE E SOCIALIZZAZIONE, BASE FONDANTE PER TENERE UNITI I BAMBINI, IN UNO SPORT INDIVIDUALE COME IL GOLF CHE SE NON SUPPORTATO DAL CONTESTO DEL GRUPPO RISCHIA DI VEDER VANIFICATO OGNI SFORZO.

Si ricorda inoltre che SABATO 11 MAGGIO DALLE 15 ALLE 19 (A PARTE L’ORA DALLE 17 ALLE 18 RISERVATA AI BAMBINI) SARA’ EFFETTUATO UN:

” OPEN DAY ” GRATUITO PER TUTTI GRANDI E PICCINI PRESSO IL GOLF CLUB S.STEFANO E LA TENUTA S.STEFANO.

SIETE TUTTI INVITATI, PREVIA REGISTRAZIONE IN SEGRETERIA.

TUTTE LE INFO NELL’ARTICOLO/POST PUBBLICATO NEI SOCIAL E NEL SITO ISTITUZIONALE DELLA SCUOLA PDA GOLF SCHOOL :  http://www.pdagolf 

Nell’attesa di incontrarvi durante le giornate e i corsi, il Maestro Pgai Ambassador classe doppia “AA” Coach Paolo De Ascentiis vi porge i più cordiali saluti e come sempre Vi lascia alla visione delle foto che rendono evidente nella sua totalità l’evento, più di tante parole.

SZGK5820VPKR2727UJFQ3457DAJR4478YKHH3784KFPK8760ARGS5913TZOJ0241XCMO5689MOXA7308JDYH3889VBRA8430EPRN2901XAUB4509WXXI5932NVZD0529MWJR9878DWHV0671NORN3393IMG_1449IMG_1447IMG_1446MVPM9099

 

 

PDA GOLF SCHOOL NEXT ACTIVITIES

Cari Amici, Allievi, e Giocatori, 

nelle giornate di:

  • VENERDÌ  16 NOVEMBRE
  • SABATO 17 NOVEMBRE
  • DOMENICA 18 NOVEMBRE
  • LUNEDÌ 19 NOVEMBRE

la PDA GOLF SCHOOL organizza 4 diverse GOLF CLINIC IN CAMPO SU 9 BUCHE E SESSIONI DI LEZIONI INDIVIDUALI  in alcuni GOLF CLUB.

Le location sono le seguenti:

  • VENERDÌ 16 NOVEMBRE: GOLF CLUB S. STEFANO ( RE).
  • SABATO 17 NOVEMBRE: GOLF CLUB MATILDE DI CANOSSA (RE)
  • DOMENICA 18 e LUNEDÌ 19 NOVEMBRE: GOLF CLUB DI CASTELL’ARQUATO (PC).

Durante queste giornate verranno effettuate uscite su 9 buche sia al mattino (dalle 8.00 alle 11.00) che al pomeriggio (dalle 13.00 alle 16.00).

Sarà inoltre possibile effettuare lezioni in Campo su 2 o 3 buche per chi non avesse il tempo di fare tutto il percorso.

Saranno previste anche lezioni individuali e collettive di un’ora in Campo Pratica.

Per ulteriori info e prenotazioni potete contattare il Maestro PGAI Ambassador Paolo De Ascentiis al 339.1213241, telefonando o inviardo un messaggio Whatsapp o ai SOCIAL collegati a Paolo De Ascentiis e alla PDA GOLF SCHOOL.

In attesa di vedervi sui links, vi auguriamo un sereno W End.

 

OPEN GOLF CLINIC IN CAMPO SU NOVE BUCHE. UN COACH IN CAMPO CON VOI.

Cari Allievi, Players,Giocatori e Amici.

Nel continuare le attività della PDA GOLF SCHOOL, Vi propongo DUE GIORNI di uscite in campo di 9 buche.

Il Link scelto questa volta è il campo di MATILDE DI CANOSSA ( RE) .

I giorni sono MERCOLEDÌ 31 OTTOBRE E GIOVEDÌ 1 NOVEMBRE.

In questi due giorni organizzerò quattro uscite come COACH nelle rispettive mattine e pomeriggi.

Quindi MERCOLEDÌ  MATTINA alle 9 e MERCOLEDÌ POMERIGGIO alle 14. E GIOVEDÌ MATTINA alle 8 e GIOVEDÌ POMERIGGIO alle 13.

Le uscite sulle 9 buche , dureranno 3 ore per sessione.

Il costo è di 50 euro a persona. Il green fee, verrà pagato in segreteria, con uno sconto.

Max 4 persone per TEAM.

Non è un problema L’ handicap. Penserò io a fare le PARTENZE. Se invece avete VOI degli amici o volete preparare le VOSTRE SQUADRE,ditemi solo i nomi e L’ Hcp. Penserò comunque io al tutto.

Per prenotazioni o info, chiamatemi direttamente al cellulare o su W Up o con i social a me o alla mia Scuola di golf Collegati.

Nell’ attesa di un vostro contatto, come sempre, Vi saluto cordialmente .

Coach Paolo De Ascentiis.

PDA GOLF SCHOOL: OPEN GOLF CLINIC SU 9 BUCHE E SESSIONI INDIVIDUALI DI ALLENAMENTO CON IL COACH PAOLO DE ASCENTIIS, SABATO 24 / DOMENICA 25 / LUNEDI 26 FEBBRAIO.

Cari Amici, Allievi e Giocatori.

Per questo WEEK END e per il Lunedì della prossima settimana, ho programmato tre uscite in campo di nove buche.

Sarà comunque possibile fare la lezione individuale.

Vi elenco i campi e i giorni nei quali verranno svolte le uscite in campo di nove buche:

  • SABATO 24: GOLF CLUB S.STEFANO Campagnola Emilia (RE)
  • DOMENICA 25: GOLF CLUB RESORT MATILDE DI CANOSSA (RE)
  • LUNEDI’ 26: GOLF CLUB CASTELL’ARQUATO (PC)

Per informazioni  sugli orari e per le prenotazioni siete pregati di contattarmi telefonicamente o tramite i Social a me o alla mia scuola di golf (PDA GOLF SCHOOL) collegati.

Nell’attesa di incontrarci sui LINKS , vi saluto cordialmente,

Coach Paolo De Ascentiis

 

GOLF: GUARDARE AL FUTURO. “LETTERA AI GIOVANI” DI ROBERTO BAGGIO

Secondo l’indagine “Il valore del golf in Italia”, realizzata da Protiviti, nel nostro Paese il Golf ha il 10,3% di tesserati under 18 contro il 9% della media europea.

Puntare sui giovani, questa la parola d’ordine. Appositamente per i giovani sono state pensate la Junior Ryder Cup e la Baby Ryder Cup. La prima giocata all’Open di ottobre al Golf Club Milano con l’inedita sfida Lombardia-Resto d’Italia. La seconda (Under 12) avrà luogo in tutte le regioni italiane durante il prossimo anno.

In previsione della Ryder Cup 2022, che sarà una grande opportunità per il nostro Paese, sia in termini di prestigio che di ritorno economico, diventa un must far conoscere la disciplina sportiva del golf. “Abbiamo promesso di trasformare l’Italia in un Paese a vocazione golfistica e di far crescere una generazione di giovani giocatori”, ha recentemente affermato Gian Paolo Montali.

Il Golf scende in piazza in tutta Italia, da Nord a Sud, toccando varie tappe, la più recente quella di Piazza Della Signoria a Firenze che ha visto la partecipazione del ministro per lo Sport Luca Lotti che ha salutato i presenti con un breve discorso, sottolineando che: “È un piacere vedere tanti bambini che si divertono insieme all’aperto,  scoprendo quanto questa disciplina sportiva sia bella e alla portata di tutti.”

Molti i bambini che hanno provato a giocare a golf, a testimonianza che il coinvolgimento degli istituti scolastici inizia a dare i suoi frutti, come avvenuto a Torino, durante la settimana dell’Expo Sport e Salute.

“Tra i banchi di scuola vogliamo cercare i golfisti del futuro, creando una nuova generazione di giocatori”, ha detto Montali.

Con l’augurio che i giovani possano intraprendere questo percorso con entusiasmo, costanza e grande passione.

Affrontando le sfide quotidiane, ponendosi obiettivi concreti, raggiungendo piccole e grandi vette, sempre alimentati da una inesauribile sete di vita.

 Augurio che un grande sportivo, ha espresso nella Lettera ai giovani”, scritta in occasione di Sanremo 2013.

“A tutti i giovani e tra questi ci sono anche i miei tre figli.

Per 20 anni ho fatto il calciatore. Questo certamente non mi rende un maestro di vita, ma ora mi piacerebbe occuparmi dei giovani così preziosi e insostituibili. So che i giovani non amano i consigli. Anche io ero così. Io però senza arroganza, stasera qualche consiglio lo vorrei dare. Vorrei invitare i giovani a riflettere su queste parole.

La prima è passione. Non c’è vita senza passione e questa la potete cercare solo dentro di voi. Non date retta a chi vi vuole influenzare. La passione si può anche trasmettere. Guardatevi dentro e lì la troverete.

La seconda è gioia. Quello che rende una vita riuscita è gioire di quello che si fa. Ricordo la gioia nel volto stanco di mio padre e nel sorriso di mia madre nel metterci tutti e dieci la sera intorno alla tavola apparecchiata. E proprio dalla gioia nasce quella sensazione di completezza di chi sta vivendo pienamente la propria vita.

La terza è coraggio. E’ fondamentale essere coraggiosi e imparare a vivere credendo in voi stessi. Avere problemi o sbagliare è semplicemente una cosa naturale. E’ necessario non farsi sconfiggere. La cosa più importante è sentirsi soddisfatti, sapendo di aver dato tutto. Di aver fatto del proprio meglio, a modo vostro e secondo le vostre capacità. Guardate al futuro e avanzate.

La quarta è successo. Se seguite gioia e passione, allora si può anche parlare anche del successo. Di questa parola che sembra essere rimasta l’unico valore nella nostra società. Ma cosa vuol dire avere successo? Per me vuol dire realizzare nella vita quello che si è, nel modo migliore. Questo vale sia per il calciatore, per il falegname, l’ agricoltore o per il fornaio.

La quinta è sacrificio. Ho subito da giovane incidenti alle ginocchia, che mi hanno creato problemi e dolori per tutta la carriera. Sono riuscito a convivere e convivo con quei dolori, grazie al sacrificio, che vi assicuro che non è una brutta parola . Il sacrificio è l’essenza della vita, la porta per capirne il significato. La giovinezza il tempo della costruzione. Per questo bisogna allenarvi bene adesso: da ciò dipenderà il vostro futuro. Per questo, gli anni che state vivendo sono così importanti. Non credete a ciò che arriva senza sacrificio, non fidatevi: è un’illusione. Lo sforzo e il duro lavoro costruiscono un ponte tra i sogni e la realtà.

Per tutta la vita ho fatto in modo di rimanere il ragazzo che ero che amava il calcio e andava a letto stringendo al petto un pallone. Oggi ho solo qualche capello bianco in più, e tante vecchie cicatrici, ma i miei sogni sono sempre gli stessi. Coloro che fanno sforzi continui, sono sempre pieni di speranza. Abbracciate i vostri sogni e seguiteli.

Gli eroi quotidiani sono quelli che danno sempre il massimo nella vita ed è proprio questo che auguro a tutti voi ed ai miei figli.”

Roberto Baggio

 

 

“COM’E’ DIFFICILE ESSERE SEMPLICI”.

“Per passione non per mestiere… ne abbiamo parlato più volte Maestro. La passione per ogni cosa che vogliamo intraprendere, in questo caso per il golf, comporta lavoro, pazienza, amore, sacrificio, disciplina. Non é un dovere. E’ il concetto di cultura dello Sport, distante anni luce dall’essere un ‘mestierante’…”.

Prendo spunto da questo post di una mia allieva per riaffermare quello che sostengo relativamente al mio concetto di “educatore”, in primis, e poi di “Maestro e Coach”: SEMPLIFICA E POI, SEMPLIFICA ANCORA.

Elimina i dettagli inutili e vai all’essenziale. I dettagli confondono e ostacolano. Le grandi menti creative e scientifiche sanno essere di una semplicità disarmante.

Ma attenzione a non confondere semplicità con facilità: facile è essere complicati; il difficile è sottrarre, mettere in evidenza ciò che conta, è ridurlo all’essenziale.

E allora chiediti: “Che cosa c’è  di superfluo in quello che faccio?

Lo disse anche Michelangelo: “Semplice. Basta togliere quello che non serve …”

Da sempre mi impegno ad “insegnare” ai miei allievi e giocatori.

Potrei stupirli con effetti speciali durante le lezioni, usando parole roboanti o strumenti tecnici per ampliare la sessione di allenamento, ma VOLUTAMENTE non lo faccio. A volte, utilizzo ausili tecnologici solo ed esclusivamente per facilitare l’apprendimento.

Non tutti siamo per tutti, come non si può insegnare a tutti lo stesso metodo. Ma occorre semplificare, quello assolutamente sì!

Proprio per essere efficaci, diretti.

Mi accorgo che molti ricercano le cose più sofisticate, come se fossero le più idonee al l’apprendimento.

Ma non è affatto così per la maggior parte dei casi.

In questo intervento ho riassunto alcuni miei concetti, i pensieri di illustri colleghi coach e di artisti immensi.

Spero sempre di portare un valido contributo al nobile compito dell’educazione al mio amato sport.

L’apprendimento si basa su tre punti fondamentali: dire una cosa, farla vedere, muovere la persona “facendo capire tramite la percezione spazio/temporale del movimento del corpo “.

Quest’ultimo punto è, per me, il più EFFICACE. Semplice, così come è stato per tutti noi camminare, scrivere, e parlare: insomma diventare grandi.

Passando per errori e cadute, imparando gradatamente dai nostri educatori: genitori, maestri, …

Nell’insegnamento ricerco sempre la semplicità e tendo all’essenziale, usando poche parole e mostrando invece i vari movimenti e muovendo molto il corpo dei miei allievi per far loro “apprendere” fisicamente il gesto atletico (swing).

Con tempi e modalità differenti, seguo anche la parte “mentale” dell’atleta, durante il suo allenamento o la sua performance sportiva, in campo pratica, sul percorso in allenamento e in gara, poiché ritengo sia un aspetto fondamentale tanto quanto il gesto tecnico.

Ritengo che un altro punto indispensabile sia la qualità del linguaggio usato nell’insegnamento poiché  incide fortemente sull’efficacia dell’iter didattico, nel processo di interazione tra Maestro e Allievo.

Vi faccio due esempi.

Ai miei assistenti e ai tirocinanti dico sempre che dire ad un  bambino ‘sei stupido’ é diverso che dirgli ‘stai facendo una cosa stupida’.

Per tirare la palla lontano, la testa del bastone deve essere ‘veloce‘ e con questo non si intende fare un colpo ‘forte‘.  Se lo faccio ‘forte‘ stringo le mani attorno al bastone per dargli forza, rallentando la velocità della testa. Eppure si continua a dire: ‘ora colpisco forte‘… non vi é un uso corretto dei termini.

Dico questo per conoscenza, studio, ascolto, esperienza, confronto, in anni ed anni di lavoro.. di PASSIONE!

Insomma .. per passione non per mestiere.

Il resto ve lo spiegherò e illustrerò in un incontro o una futura lezione.

Con grande stima per tutti Voi,

Paolo De Ascentiiis.